Plumcake fatto col cuore

IMG_4494

Cercavo una torta da sperimentare per poi regalarla ai gemelli della mia amica, Martina e Luca di otto anni. Avrei voluto vedere la loro faccia al momento del taglio, ma a volte le cose vanno diversamente da come uno le progetta. La torta l’ho fatta non l’hanno mangiata i bambini ma è piaciuta, è semplice da fare ed ottima per la colazione. E allora in occasione di s. Valentino ve la regalo!

Ingredienti:

300 gr farina 0
3 uova
250 gr yogurt bianco
150 gr zucchero
75 gry olio di semi
1 bustina lievito in polvere
1 pizzico sale
q.b. colorante alimentare in gel o in polvere

Montate in una ciotola o in planetaria le uova a temperatura ambiente, con lo zucchero; aggiungete lo yogurt  ,l’olio, ed infine la farina ed il lievito precedentemente setacciati. Amalgamate fino ad ottenere un impasto omogeneo. Prendetene 1/3 e coloratelo con il colorante che avete scelto. Distribuitelo in una teglia rivestita con carta da forno e fatelo cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 15 minuti (non fate uno strato troppo sottile perchè servirà per ritagliare le formine che avete scelto).
Sfornate, fate raffreddare e ricavate tanti cuoricini con lo stampo apposito.
Distribuite sul fondo della teglia da plumcake parte dell’impasto rimanente e adagiatevi uno vicino all’altro i cuoricini in modo da creare una fila compatta. Premete leggermente in modo che affondino leggermente e stiano in piedi. Ricoprite completamente con il resto del composto e cuocete in forno caldo a 180° per 35 minuti circa. Fate sempre la prova dello stecchino, se esce pulito la torta è cotta.
Una volta raffreddato potete decorare il plumcake a piacere ad esempio con zucchero a velo e confettini o cioccolato fuso e codette colorate.

Consiglio in più: ho sostituito l’olio di semi con l’olio di riso che per me è più delicato.

Buon appetito!

Paola

  •  
  •  
  •  
  •  

Zucchine tonde ripiene di riso

20160328_135534

In una pubblicità insegnavano come far mangiare le verdure ai bambini ed è proprio vero, basta un pò di fantasia e voilà una zucchina ripiena può diventare uno scrigno con dentro una sorpresa. Un modo simpatico che piace ai piccoli e anche ai grandi!

Ingredienti per 4 persone:

4 zucchine tonde
1 scalogno
150 gr riso carnaroli
250 ml brodo vegetale

100 gr prosciutto cotto
50 gr di parmigiano
1/2 bicchiere di vino bianco
1 lattina di pelati
olio evo q.b.
1/2 cipolla
sale q.b.
pepe q.b.

Preparate un sughetto di pomodoro facendo saltare la cipolla in un padella con olio, aggiungete i pelati, salate e fate cuocere per 15 minuti a fuoco basso.
Lavate le zucchine, quindi eliminate loro la calotta e con uno scavino estraete tutta la polpa (tenete da parte sia le calotte che la polpa).

In una pentola capiente portate ad ebollizione l’acqua quindi aggiungete il sale e versate le zucchine e le calotte e fate cuocere per 10 minuti. Scolate e mettete le zucchine capovolte su un canovaccio per farle asciugare.
Nel frattempo preparate il risotto. Fate sofriggere in una padella l’olio, lo scalogno tritato e la polpa di zucchina tritata, aggiungete il riso, fatelo tostare in padella, e sfumate con il vino bianco.
Salate pepate ed aggiungete il brodo fino a ricoprire il riso. Cuocete aggiungendo il brodo man mano che si asciuga.
Quando il riso sarà ancora al dente, spegnete la fiamma, aggiungete il prosciutto cotto tagliato a pezzettini, mescolate e mantecate con abbondante parmigiano.
Riprendete le zucchine e riempitele con il risotto.
Distribuite sul fondo di una teglia da forno il sugo e poggiatevi le zucchine ripiene una di fianco all’altra e irrorartele con un filo d’olio. Infornate in forno già caldo a 200° e cuocete per 15 minuti circa. Servite le zucchine non troppo calde.

Consiglio in più: potete sbizzarrirvi con i ripieni variando il tipo di risotto (es zucchine e salsiccia, zucchine e zafferano)

Buon appetito!

Simona
  •  
  •  
  •  
  •  

Ravioli di pesce

20161226_130202

E’ da un po’ di anni che in famiglia senza che ci sia un perchè o una tradizione particolare, abbiamo iniziato a cucinare e mangiare piatti di pesce, forse perchè convinti che siano più leggeri in modo da affrontare il pranzo natalizio non ancora totalmente rimpinzati di  cibo?Mah non saprei rispondervi. Ciò detto la domenica prima che iniziassero le festività mi sono imbarcata nella produzione di questi ravioli. La cosa più bella è che ho coinvolto anche mia madre che nonostante avesse il mal di schiena e che asserisse di non essere capace mi ha dato un grande aiuto e ha prodotto dei bellissimi ravioli. Io tiravo la pasta ( con la macchina non a mano!!!) e lei li riempiva con il ripieno e li confezionava con la mia supervisione perchè temeva di sbagliare ed invece…..Abbiamo utilizzato lo stampino per ravioli che avevo trovato giorni prima mentre cercavo un’altra cosa e avevo deciso che avrei provato ad usarlo. Fantastico anche se per farne tanti ci si impiega molto più tempo che non con il taglia e cuci ( che è quella rotella che mentre taglia sigilla contemporaneamente la pasta.).

Ingredienti per 6 persone:

300 gr  semola rimacinata di grano duro
3 uova
200 gr calamari puliti
200 gr gamberi puliti e sgusciati
200 gr branzino sfilettato
un cucchiaio di olio e.v.o.
prezzemolo tritato
1 scalogno
sale e pepe q.b.

Per il condimento:
200 gr pomodorini freschi
uno scalogno
circa 16 mazzancolle già pulite
un cucchiaio di olio
prezzemolo tritato
sale e pepe q.b.

Sulla spianatoia disponete la semola a fontana, versate le uova al centro e amalgamate fino ad ottenere una pasta liscia ed omogenea. Avvolgetela con la pellicola e fatela riposare a temperatura ambiente per circa mezz’ora.
Preparate nel frattempo il ripieno: fate imbiondire lo scalogno in un cucchiaio di olio aggiungete i pomodorini tagliati a metà fateli cuocere qualche minuto unite i calamari a pezzetti, dopo qualche minuto i filetti di branzino e da ultimi i gamberi. Salate e pepate e aggiungete il prezzemolo tritato. Portate a cottura( bastano pochi minuti altrimenti si asciuga troppo) e poi passate tutto al mixer e fate raffreddare.
Tirate la pasta abbastanza sottile e formate i ravioli aiutandovi con l’apposito stampino oppure ricavate delle strisce di pasta e deponete ad intervalli regolari dei mucchietti di ripieno ( la consistenza giusta è quella che vi permette di realizzare delle polpettine) ,coprite con un’altra striscia di pasta e utilizzando la rotella taglia e cuci ( che fa tutto lei) oppure il taglia pasta realizzate il raviolo ricordandovi in questo caso ( se volete aiutandovi con i denti di una forchetta) di premere bene su tutti i lati in modo da sigillarli altrimenti in cottura uscirebbe tutto il ripieno.
Per il condimento: fate imbiondire lo scalogno tagliato a fettine con l’olio, aggiungete i pomodorini ,salate e pepate fate cuocere 10-15 minuti in modo che appassiscano e poi aggiungete le mazzancolle ed il prezzemolo. Spegnete dopo pochi minuti.
Condite con questo sugo i ravioli fatti cuocere in acqua bollente salata.

Consiglio in più: ho utilizzato la macchina della pasta per tirarla e ho utilizzato tutti i numeri fino al sette. Ho deciso di fare il sugo con pomodori e mazzancolle ma nulla vieta di utilizzare gli stessi ingredienti del ripieno cioè anche calamari e filetti di branzino.Per testare la tenuta del raviolo (cioè se la pasta tiene la cottura e se lo abbiamo sigillato perfettamente) cuocetene uno solo ,il primo; se va tutto bene procedete con il lavoro, altrimenti siete in tempo per apportare le modifiche necessarie

Conservazione:  Ho congelato i ravioli e poi li ho fatti cuocere in acqua bollente da congelati ma alla ripresa del bollore ho abbassato la fiamma per paura che si rompessero.

Buon appetito!

Paola

  •  
  •  
  •  
  •  

Risotto alla bomba

IMG_20161206_215135

Dedicato a chi non dedica molto tempo alla cucina, ma che nello stesso tempo riesce a sorprendere con un piatto semplice, gustoso e rapido. E’ una ricetta di mia nonna, che non era una cuoca provetta; i suoi piatti forti erano il rognone trifolato, gli gnocchi fatti in casa, la crostata e il risotto alla bomba. Era uno dei piatti che ci faceva quando andavamo a pranzo da lei…bomba di nome e bomba di fatto…un super piatto unico!Ogni volta che lo preparo e lo gusto ritorno bambina in compagnia di mia nonna!

Ingredienti per 6 persone:

500 gr di riso
cipolla q.b.
olio 2 cucchiai
1 l brodo
2 bustine di zafferano
150 gr di emmenthal
200 gr di prosciutto cotto a cubetti
parmigiano grattugiato q.b.
sale q.b.

in una padella soffriggete la cipolla tagliata a dadini in olio caldo. Una volta imbiondita aggiungete il riso e fatelo tostare. A questo punto sfumate con il brodo caldo e cuocete per 12 minuti circa aggiungendo altro brodo se necessario. A circa 5 minuti dalla fine cottura unite lo zafferano mescolando in modo che si amalgami completamente. Una volta pronto il risotto (non deve essere risultare asciutto, ove lo fosse aggiungete un mestolo di brodo) unite l’emmenthal tagliato a dadini e il prosciutto, mescolate bene e trasferite il tutto in una pirofila oliata. Cospargete la superficie con abbondante parmigiano grattugiato ed infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti (deve formarsi una bella crosticina dorata).

Consiglio in più: la quantità di formaggio e prosciutto va assolutamente a gusto. Il risotto alla bomba deve risultare alto circa 5 cm.

Buon appetito!

Simona

  •  
  •  
  •  
  •  

Biscotti decorati per l’albero di Natale

2016-12-03-18-32-14

Devo confessarvi che non amo l’albero di Natale classico e sono ormai tanti anni che lo decoro con i biscotti, ogni anno cambio forma, decorazione…Quest’anno ho voluto provare i biscotti “vetrata” e come l’anno scorso ho coinvolto Sofia nella preparazione. Ci siamo divertite un sacco, con l’aiuto di Sara che devastando qua e là si è divertita con noi.

Per la preparazione di una cinquantina di biscotti:

1 Kg di pasta frolla (ricetta Luca Montersino)
caramelle dure colorate
una cannuccia con foro grande
formine per i biscotti grandi e piccole
nastro sottile di raso

Dopo aver preparato la pasta frolla lasciatela riposare in frigo per un paio d’ore. Nel frattempo frantumate le caramelle (io per non sporcare troppo le ho colpite più volte col mattarello lasciandole nel loro incarto originale).
Stendete la pasta frolla ad uno spessore di 5 mm e ricavate con il taglia biscotti dei dischi di 6 cm circa di diametro, poi utilizzando gli stampini più piccoli praticate un foro centrale nei biscotti. Con la cannuccia praticate un foro in alto che servirà per far passare il nastro per poterli appendere all’albero. Disponete i biscotti su una teglia ricoperta di carta forno e riempite i fori centrali con le caramelle tritate. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa dieci minuti (stando attenti a non farli scurire). Lasciateli raffreddare nella teglia.
Una volta completamente raffreddati fate passare il nastro colorato nel foro annodate e la vostra decorazione è pronta.

Consiglio in più: potete aromatizzare la pasta frolla con un cucchiaio di cannella da aggiungere alla farina oppure con la scorza grattugiata di un’arancia, questo darà un profumo delizioso al vostro albero.
Potete sbizzarrirvi con forme e colori

Ricetta per la pasta frolla:

200 g di zucchero a velo
500 g di farina
300 g di burro morbido a temperatura ambiente
80 g di tuorlo d’uovo a temperatura ambiente
2 g di sale
1/2 bacca di vaniglia

Disponete la farina a fontana sulla spianatoia, unite lo zucchero a velo, il burro ammorbidito a pezzetti, i tuorli, il sale e la vaniglia. Impastate bene il tutto velocemente fino a ottenere un composto omogeneo, se avete l’impastatrice potete usarla tranquillamente, l’unica accortezza è di non impastare troppo a lungo per non surriscaldare il composto.
Formate un panetto e fatelo riposare in frigorifero.

Buon appetito!

Simona

  •  
  •  
  •  
  •